Metodo Mézières

Françoise Mézières, fisioterapista “illuminata” della prima metà del secolo scorso, rompendo i classici schemi della scuola ortopedica francese, realizzò questa metodica partendo da una osservazione di una sua paziente!

Trattando una una persona affetta da periartrite scapolo-omerale, la correzione dell’anteposizione delle spalle comportava l’insorgenza di lordosi lombare

 

 

 

 

 

A questo punto cercando di correggere l’iperlordosi con la flessione delle gambe insorgeva una forte iperlordosi cervicale, prima assente

 

 

 

 

Questa intercorrelazione tra i vari segmenti della colonna vertebrale fece comprendere a Françoise Mézières che la muscolatura della stessa si comporta non come tante unità indipendenti, bensì come una unica unità funzionale.

A tutto ciò seguì un profondo studio sul muscolo diaframma, principale muscolo della respirazione, che ha connessioni anatomiche con tutte le strutture muscolari del nostro tronco e che se non perfettamente funzionante può essere causa di scompensi e asimmetrie.

Come si vede dall’immagine il diaframma è collegato alla gabbia toracica, al bacino e alla schiena, un’anomalia del suo funzionamento inevitabilmente si scaricherà sul tratto lombare causando tensioni e dolore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il metodo Mézières, lavorando sulla respirazione e sull’allineamento delle varie parti del corpo, riesce ad ottenere un allungamento profondo e globale della fascia, elastico-connettiva e muscolare.

Questa “modifica strutturale” dona al corpo una nuova possibilità di organizzare la propria postura (un torcicollo, una contrattura lombare impedisce il raddrizzamento della persona), e i risultati così ottenuti saranno duraturi nel tempo.

L’AIMM, associazione italiana metodo Mézières, http://www.metodomezieres.it/ , sotto la guida della dott.ssa Maria Teresa De Santis, allieva diretta di Françoise Mézières si occupa della formazione in italia dei professionisti incaricati all’applicazione della metodica.

Comments are closed.